GQ, September 2013

From The Elvis Costello Wiki
Jump to: navigation, search
- Bibliography -
1975767778798081
8283848586878889
9091929394959697
9899000102030405
0607080910111213
14151617 18 19 20 21


GQ
GQ UK
GQ Germany
GQ Italy
  • 2013 September
GQ Japan
GQ Mexico

Magazines
-

E Non Mi Annoio

Elvis Costello

translate
  Chiara Meattelli

Un nuovo disco, un musical da un vecchio album, un’autobiografia e uno show in cui canzoni da suonare sono scelte dal pubblicao. Ecco come restare in scena da 36 anni (il primo titolo é del ’77) senza cascare nella monotonia.

C’è un’enorme ruota multi-colore sul palco della Royal Albert Hall di Londre: a ciascuno dei 50 raggi corrisponde il titolo di una canzone. Una hostess passa tra il publico, sceglie uno spettatore e lo scorta sotto i riflettori. Elvis Costello, Panama a tre quarti e abito gassato blu, recita la parte del presentatore: “Gia la ruota! Girala in nome di tutta l’Inghilterra!” E insieme agli Imposters (i The Attractions con un diverso bassista) suona qualsiasi brano indichi la lancetta. Chi ha girato la ruota può restare sui palco e sedersi al (finto) bar allestito in scena, oppure esibirsi in una pole dance nella gabbia a fianco (il bello è che sono i soggeti più impensabili a farlo). Così Elvis Costello trasforma un concerto rock nello show vaudeville della Spectacular Spinning Songbook.

Sono pochi gli artisti pronti a lanciarsi ogni sera in un reportorio così vasto. “Abbiamo selezionato i brani in modo che il risultato fosse il più casuale possibile”, spiega Declan Patrick MacManus (e cioè Elvis) quando lo incontro in un club di Soho, Londra. L’occasione è Wise Up Ghost, l’album realizzato con i Roots, band americana di hip-hop alternativo. È un disco audace, fatto ritmi sincopati, melodie discordanti, groove funky e impregnato di soul Anni 70. In primo piano c’è la voce di Costello: tagliente, colorata da un vibrato che arriva al cuore. “Abbiamo suonato senza aspettative. Non ne abbiamo parlato in giro, dopotutto ne sapevamo poco anche noi”.

A sentirlo, semba che il disco sia la conseguenza inevitabile di un incontro nella minuscola sala prove dei Roots, negli studi della Nbc. Da quando il gruppo di Philadelphia serve da house band al Jimmy Fallon Show (divertando’vero e proprio patrimonio nazionale), Costello è stato ospite tre volte. “Ci siamo sempre divertiti come matti. È stato Questlove (Ahmir Thompson, batterista e leader dei Roots) a menzionare un vecchio disco che ci ha invogliati a collaborare”. Da lì è iniziato uno scambio di Mp3; di “nastri”, come li chiama ancora Costello, classe ’54. “Alla fine avevamo più canzoni delle 12 dell’album. Abbiamo cercato una selezione coerente: per argomenti, per liriche. Abbiamo lavorato senza regole e citato qualsiasi cosa ci piacesse, come fanno i musicisti jazz”.

Non mancano immagini di guerra e temi politici. “Fanno parte del mio Dna!”, ribatte l’inglese con lo stresso sorriso insolente di quando era un punk rocker incazzato di 23 anni e nascondeva il volto dietro un gigantesco paio d’occhiali neri alla Buddy Holly. “Per scuro e violento che sia, mi auguro che quest’album conservi la speranza che le cose migliorino. Anche se al momento non ci credo”. In “Cinco Minutos Con Vos” torna a parlare della guerra delle Falkland (come nell’elegiaca Shipbuilding di 30 anni fa), ma concentrandosi sul dramma umano di un ragazza che perde il padre. “L’esempio della gente rapita in aeroplano nel nostro nome, senza sapere se fossero colpevoli, è tristemente attuale. Una volta pensavamo che queste cose le facessero “i cattivi”, ora i cattivi siamo noi”.

Alla Royal Albert Hall ha cantato con rinnovata enfasi Tramp the Dirt Down, del 1989, in cui si augurava di vivere abbastanza per buttare terra sulla tomba della Thatcher. “Qualcuno si è offeso, ma non l’ho mica uccisa io. E poi non augurerei al peggior nemico la miseria della demenza: mio padre è morto con la stressa malattia”.

Ross MacManus era la voce della Joe Loss Big Band negli Anni 50, mentre Lee Andrews, padre di Questlove, era cantante doo wop di night club negli Anni 70. “Trovo sia un’interessante coincidenza: siamo entrambi cresciuti pensando alla musica come vocazione e occupazione”. Ad accomunare la stramba coppia, un’enciclopedica conoscenza della musica e il talento eclettico. Costello chiama “curiosità” l’insaziabile desiderio di lanciarsi in nuove avventure, che sia scrivere succesi con Paul McCartney o realizzare un disco di Bluegrass con T. Bone Burnett. “Sono stato fortunato e ogni volta ne esco arricchito”.

Oltre ai concerti da solista già in prgramma, sta lavorando a un’autobiografia e, con Burt Bacarach, all’adattemento a musical di Painted for Memory, l’album del 1998. Ma una vacanza, se la concede mai? “L’ho appena fatta, mini, con la famiglia in Germania, dove mia moglie è in tour”. La cantante jazz canadese Diana Krall è la sua terza moglie, si sono conosciuti ai Grammy Awards nel 2002 e sposati l’anno successivo. Ora hanno due gemelli di sei anni, Henry e Frank, e vivono tra Vancouver e New York.

In America Costello è una celebrità, anche grazie a Spectacle, lo show tv che presenta intervistando tra gli altri Bill Clinton, suo vecchio fan, e Bruce Springsteen. La parte gli riesce così bene che spesso lo chiamano a sostituire David Letterman quando è malato. L’Inghilterra, che ha lasciato negli Anni 80, non fa per lui, ma almeno lo scorso giugno ha fatto pace con il Festival di Glastonbury dopo la sventurata performance del 2005. “Stavolta è andata proprio bene, non ci hanno tirato addosso nulla”. Il giorno dopo sono al suo show a Hyde Park, dove cantiamo tutti assieme Happy Birthday per gli 84 anni di sua mamma. Non c’è la ruota vaudeville, ma adesso so come sceglie una scaletta. “Vecchia o nuova, deve esserci sempre un motivo vero per cantare una canzone”.


Wise Up Ghost è un disco audace, fatto di ritmi sincopati, melodie discordanti, groove funky e soul anni 70. “Abbiamo suonato senza aspettative non ne abbiamo parlato in giro. In fondo ne sapevamo poco ache noi”


-

GQ Italy, September 2013


Chiara Meattelli writes about Elvis Costello following the release of Wise Up Ghost.

Images

2013-09-00 GQ pages 102-103.jpg
Page scans.

2013-09-00 GQ page 104.jpg

-



Back to top

External links