Il giornale della musica, November 20, 2008

From The Elvis Costello Wiki
Jump to: navigation, search
- Bibliography -
1975767778798081
8283848586878889
9091929394959697
9899000102030405
0607080910111213
14151617 18 19 20 21


Il giornale della musica

Italy publications

Newspapers

Magazines

Online publications


European publications

-

L'OPERA È SOGNO

Welcome to the Voice

di Steve Nieve

Libretto di Muriel Teodori

Prima rappresentazione: Paris, Théatre du Chatelet 20/Nov/2008

translate
Stefano Jacini

Un esperimentto con la lirica per le due voci rock di Sting e Elvis Costello

La principale attrattiva di questo gioco dell’opera nell’opera, andato in scena in prima mondiale il 20 novembre allo Châtelet, è che protagonisti sono Sting (nel panni di Dionysos wanderer rock) e Elvis Costello che impersona un trucido commissario, vestito da sbirro zarista, con perfidi occhialini neri, odiatore della lirica e dell’amore. Fra i due s’inserisce l’amico di Dioniso (Joe Summer, il figlio di Sting), che rimprovera di continuo il compagno di lavoro, traditore delle sue origini per ragioni estetiche.

L’intreccio non è meno strampalato di tante opere, qui è al servizio di uno strano incontro fra i due cantanti rock, che non rinunciano alla loro identità vocale, e quattro soprani che rispettano gli stilemi del musical. Tutti amplificati. L’accostamento funziona a meraviglia e riesce gradevolissimo, anche scenicamente. L’elegante regia, firmata dalla stessa librettista, Muriel Teodori, fa un uso misurato di proiezioni e teli agitati dal vento, e di bellissimi costumi per le quattro vamp della lirica. Se mai c’è un motivo di delusione è che ci si aspettava più durezza sonora da parte di Sting e Costello, troppo ammansiti da una partitura che mira più alla piacevolezza melodica che alle asprezze rock. Anche gli a solo del saxofono e della tromba non si discostano mai da caute sonorità jazz. Mentre non trapelano citazioni né deformazioni delle opere di provenienza delle tre sacerdotesse, se non un fuggevole “ramparts de Seville”. Ma solo le parole. Il tutto comunque si snoda con naturalezza, senza mai la sensazione di un collage forzato fra i pezzi chiusi. La presente nota è stata redatta dopo la prova generale del 16 novembre.


-

Il giornale della musica, November 20, 2008


Stefano Jacini reviews Welcome To The Voice at Théâtre du Châtelet, Paris, France.


-



Back to top

External links