Kalporz, November 19, 2000

From The Elvis Costello Wiki
Jump to: navigation, search
... Bibliography ...
7475767778798081
8283848586878889
9091929394959697
9899000102030405
0607080910111213
1415161718192021


Kalporz

Italy publications

Newspapers

Magazines

Online publications


European publications

-

ELVIS COSTELLO, Goodbye Cruel World (Demon, 1984)


translate
Max Cavassa

Declan Patrick McManus continua impervio a deliziare i nostri palati golosi di grande (o almeno buona) musica. L’album in questione, in verità, è sempre stato preso sottogamba dalla maggior parte della critica e retrospettivamente anche dal suo autore. Personalmente lo ritengo un ottimo contenitore di grande pop di classe, con picchi di assoluto rilievo in tre suoi episodi. Il primo è l’opening track “The only flame in town”, cantata in duetto con Daryl Hall e molto coinvolgente; il secondo è “I wanna be loved”, dove l’ospite è Green degli Scritti Politti ed il pezzo rimane attaccato addosso come una seconda pelle; il terzo è la finale (nell’LP) “Peace in our time”, canzone che come singolo raggiunge il primo posto delle classifiche inglesi, forte del suo incedere lento ed epico, quasi una fanfara militare sull’Altare della Patria…Devo ammettere: molto, ma molto emozionante. Nel CD troviamo varie bonus, tra cui una “Baby it’s you” interpretata insieme all’amicone Nick Lowe. Ricordo che questa canzone fu scritta da Burt Bacharach e ripresa dai Beatles nel loro primo storico LP…e che, guarda un po’, il buon Elvis II° avrà l’onore di collaborare, qualche anno dopo, col compositore americano e con Paul McCartney. Insomma , un ottimo presagio!


Tags: Goodbye Cruel WorldThe Only Flame In TownDaryl HallI Wanna Be LovedGreenPeace In Our TimeBaby It's YouNick LoweBurt BacharachThe BeatlesPaul McCartney

-

Kalporz, November 19, 2000


Max Cavassa reviews Goodbye Cruel World.

Images

Goodbye Cruel World album cover.jpg


-



Back to top

External links