Libertà, June 15, 1999

From The Elvis Costello Wiki
Jump to: navigation, search
- Bibliography -
7475761977787980
8182838485868788
8990919293949596
9798990001020304
0506070809101112
13141516171819 20


Libertà
  • 1999 June 15

Italy publications

Newspapers

Magazines

Online publications


European publications

-

La mia musica è per la pace

Intervista al musicista Elvis Costello dopo il recente concerto a Milano

translate
   Eleonora Bagarotti

Il musicista inglese Elvis Costello, dopo la sua collaborazione con il mitico compositore americano Burt Bacharach per il capolavoro "Painted From Memory", è in tour con il pianista Steve Nieve e si è esibito in Italia. Dopo le città di Bologna e Cremona (l'anno scorso), questa volta le città selezionate sono Milano e Roma. a Milano, dopo il concerto al "Teatri Nuovo" in P.zza San Babila (26 Aprile) Costello e ho incontrato dietro le quinte e qui è l'intervista.

Elvis Costello, alias Declan MacManus, London '54, ha proposto un concerto incredibile in cui perfezione tecnica e passione erano in condizioni di parità "Pace, amore e comprensione", vale a dire - attraverso la musica - "il mondo ha bisogno di un po ', questo tempo ... "

Sorridere, paffuto, Costello ha due occhi scintillanti che scrutano da dietro le lenti dei mitici, occhiali scuri (fu uno dei primi a portare loro). Presento me stesso e, come dal momento che le interviste con i "grandi" sono sempre caratterizzati da un'emozione forte, iniziale per me, cerco di essere ironico.

Hai mangiato un enorme gelato prima del concerto, ecco perché la tua voce è così bella?

Il gelato - soprattutto italiano - aiuta, solo la voce, tuttavia, non la linea.

Ma la musica viene prima di tutto.

Sì, possiamo sacrificare ...

Durante questa seconda serie di concerti con Steve Nieve (il pianista di "The Attractions") che hai cantato tutte le canzoni di "Painted dalla memoria". Come hai fatto a collaborare con Bacharach?

Sebbene sia stato descritto come un "musicista post-punk", ho sempre ammirato Burt, l'occasione per collaborare è stata canzone per la colonna sonora del film "Grace of My Heart", diretto da Alison Anders. Quando abbiamo registrato "Dio darmi la forza", beh, eravamo completamente abbandonato a fare qualcosa di diverso. abbiamo scritto insieme "Painted From Memory" noi siamo simili occupati, noi, paragonabili al pianoforte, entrambi componiamo con il pianoforte, nonostante io sia un chitarrista, e entrambi mettiamo la musica prima delle parole .

Ti sei costantemente evoluto, come musicista, durante 21 anni di carriera. Hai pesato su successi e fallimenti?

Ovviamente, al di là del successo di "Painted from Memory", il ventesimo anniversario della mia carriera ha colpito durante il tour con Steve Nieve.

Guardando indietro, ciò che mi dà soddisfazione è soddisfacente per me, con molte terre misteriose da esplorare. A volte i critici non sono stati ma, non importa, il risultato è che non mi stanco mai Altrimenti, se avessi fatto la stessa cosa più e più volte, anche il mio pubblico si stancava?

E il tuo futuro professionale?

Un futuro "in via di sviluppo", come sempre.

Il repertorio del concerto, questa sera a Milano - oltre i vostri Classici "Alison", "Veronica", "Red Shoes" e "Watching the Detectives" - avete cantato una canzone che parla della famiglia e la serenità della vita insieme, scritto con sua moglie e una seconda, nuova canzone più malinconica, scritta con Steve Nieve. Potremmo considerarli un anticipo del prossimo disco?

Abbiamo scritto un sacco, ora abbiamo scritto un sacco, ora componiamo insieme, Steve è un musicista di grande talento ed è il direttore musicale di questo tour. Non mi piace parlare della mia vita privata, ma ho una moglie di talento e sensibile.

Hai collaborato con musicisti famosi, distanziando ogni genere musicale :. Paul McCartney, Tony Bennett, Johnny Cash, Chet Baker, Roy Orbison, Dusty Springfield. Fa qualcuno di loro ha avuto un'influenza particolarmente su di te??

Ho preso e ho già ascoltato la musica dell'artista con cui ho lavorato: jazz, rock, country o classica, non fa differenza Il mondo è grande e scrivo per le persone che lo sanno e vogliono sentirlo.

Personalmente, penso che i tuoi testi siano molto intensi e raffinati.

Ho sempre scrivere e comporre ciò che "mi sento". A volte i critici hanno frainteso quel tipo di "finale-senza-end" nelle mie canzoni, ma ho deliberatamente lo fanno perché ognuno, con sensibilità, potrebbe "sentire" la conclusione. Penso Ho un pubblico sensibile. Sono molto fortunato.

-

Libertà, June 15, 1999


Eleonora Bagarotti interviews Elvis Costello following a concert with Steve Nieve on Monday April 26, 1999 at Teatro Nuovo, Milan, Italy.


-



Back to top

External links