Repubblica, July 23, 2002

From The Elvis Costello Wiki
Jump to: navigation, search
... Bibliography ...
7475761977787980
8182838485868788
8990919293949596
9798990001020304
0506070809101112
13141516171819 20


Repubblica

Italy publications

Newspapers

Magazines

Online publications


European publications

-

Elvis Costello superstar 'La mia chitarra per Mina'


translate
Antonella Gaeta

Lui lo chiama interludio. Ma il ritorno alle canzoni che lievemente raccontano storie su un agile pop-rock ha riconciliato tanti con il 'vecchio' Elvis. Domani nell' atrio bianco di Palazzo dei Celestini a Lecce, uno dei tanti piccoli miracoli di Negroamaro, rassegna multiarte firmata dalla Provincia. Costello sarà in concerto alle 21.30, pregevole anteprima nazionale e unica di tre date che il grande songwriter inglese ha voluto solo a Sud (le altre a Caserta e a Cagliari). Ritorna in old style con chitarra e piacevoli pezzi di vita, impressioni e qualche piccolissima concessione alla non amatissima elettronica. Si ritrova Costello di qualche anno fa ed è un' occasione da non perdere, anche perché la prossima tappa di 'Elvis II' abita di nuovo dalle parti della sperimentazione. E questa, come lui la definisce, è una pausa prima di ricominciare a ricercare. Qui, nel centro del barocco per uno dei contrasti che ama comporre, Costello ritrova la dimensione che il suo nome immediatamente evoca con i brani del corposo nuovo disco When I was cruel . Quasi sette anni sono passati dall' ultimo album firmato da solo. Interregno dominato da due celebratissime produzioni. La prima con il compositore americano Burt Bacharah (Painted from Memory) e la seconda preziosa con la mezzosoprano svedese Anne Sofie Von Otter (For the stars ). Costello torna in Italia, nazione cui deve il cognome preso in prestito dalla madre (il nome è un suo personale omaggio a 'the pelvis' ). E qui lo porta anche il glam del più bel brano che dà il titolo all' ultima produzione. Su un ipnotico sample da 'Un bacio è troppo poco' , scritto per Mina dal duo Amurri e Canfora, si consuma un altro tributo e un altro amore del compositore. Circa quaranta sono i vecchi dischi della cantante cremonese che religiosamente conserva e dei quali è capace di ripetere i titoli a memoria. Non ama la Mina contemporanea ma tutto ciò che nei Sessanta è italiano ed è 'easy listening' lo affascina. Meno quello che produciamo da un paio di decenni. Non è l' unica passione musicale nostrana che invece si consuma in ascolti di autori di musiche da film come Ennio Morricone e Nino Rota. Le soundtrack, infatti, incuriosiscono mister Costello, che oltre ad aver recentemente musicato lo spettacolo 'Sogno di una notte di mezza estate' per la compagnia 'Aterballetto' di Reggio Emilia, nel 1999 ha registrato una versione di She, di Charles Aznavour, per il campione d' incassi Notting Hill di Richard Curtis e con Burt Bacharach una versione del classico I'll Never Fall In Love Again per Austin Powers 2 di Mike Myers. Per la coloratissima pellicola si è anche concesso in un inaspettato cameo. La storia di Declan Patrick McManus (questo il suo vero nome), splendido prossimo cinquantenne da Liverpool, passa attraverso buona parte del rock inglese, a partire dalla sua prima incisione nel 1976 con il singolo 'Less than Zero' . Al 1969, invece, risale la sua prima apparizione pubblica con una stile singolare e con i suoi occhiali scuri che gli assicuravano quell' aria svagata, sua autentica carta vincente. Dall' esordio più legato al classico cantautorato inglese, due anni più tardi la fortunata svolta rock. A seguire album come This Year's Model, Armed forced , Imperial Bedroom , King of America . Quindi, nel 1987, la collaborazione con Paul McCartney che nel suo disco Spike suona il basso e scrive con lui due canzoni. Favore ricambiato con la scrittura a quattro mani del disco dell' ex Beatle, 'My brave face' . E proprio i fasti compositivi della coppia McCartney-Lennon sembrano rinverditi dalla fresca scrittura di Costello, ritenuto, a ragione, uno dei più abili autori britannici. Ma non è l' unica collaborazione. Molte delle circa trecento canzoni scritte da Costello sono state incise da altri artisti. Una lunga lista che comprende: Chet Baker, Johnny Cash, Roy Orbison, Charles Brown. Ha scritto e composto a quattro mani con la moglie Cat O' Riordan, Bill Frisell e Richard Harvey Con un lecito bagaglio di leggenda, abilità e mestiere arriva domani sera Costello con compagni di strada affiatati come Steve Nieve alle tastiere, Pete Thomas alla batteria e Davy Faragher al basso (i primi due, storici componenti della sua band 'Attractions' , complice di tanti live) e recuperati proprio per questo 'ritorno'. Il concerto, che rientra negli 'Eventi speciali' di Negroamaro, è una proposta di Princigalli Produzioni. Info e prevendite 0832683417 oppure 0805240464.

-

La Repubblica, Musica, July 23, 2002


Antonella Gaeta previews Elvis Costello and the Imposters on Wednesday, July 24, 2002 at Palazzo dei Celestini, Lecce, Italy.


-



Back to top

External links